Servizi Abbattimento Odori

I nostri servizi

Risolviamo tutti i tuoi problemi di odori

Una gamma completa di servizi specifici per la tua azienda

Rendi il tuo biofiltro più efficace e rapido grazie al nostro servizio unico di inoculazione

Dalla posa alla rimozione del biofiltro ti saremo accanto perché tutto vada liscio

Evita multe mettendo a norma la tua azienda, i nostri esperti sono a tua disposizione

Il tuo biofiltro sarà sempre al 100% grazie al nostro servizio di manutenzione operato da personale qualificato

Odori sotto controllo e a norma grazie al nostro servizio di olfattometria

Risolviamo i tuoi problemi di smaltimento del biofiltro in maniera efficace e rapida

Per tutte le tue esigenze di abbattimento odori, rivolgiti ai nostri consulenti attivi 24/24h

Consulenza Normativa

Metti in regola la tua azienda per il D.L.vo. 183/2017

Consulenza Normativa

Evita blocchi dell’impianto mettendo a norma la tua azienda, i nostri esperti sono a tua disposizione

Normativa emissioni odorigene

I metodi per quantificare le emissioni odorigene (olfattometria dinamica, monitoraggi olfattivi) sono realtà consolidate dal punto di vista tecnico (norma UNI EN 13725: 2004). A livello normativo la questione odori è stata solo di recente introdotta nel Testo Unico Ambientale (D. L.vo 152/2006) con il D.L.vo. 15/11/2017 n. 183.

Questo tema in Italia è fin’ora stato formalizzato nel solo DM 29 gennaio 2007 “Linee Guida MTD per gli impianti di trattamento meccanico – biologico soggetti ad AIA”. Tale decreto riporta che i presidi ambientali di abbattimento (biofiltri o scrubber) posti a trattamento delle emissioni gassose originate da questi impianti hanno un valore limite di emissione pari a 300 ouE/m3. Nel quale si prescrive la valutazione degli odori secondo olfattometria dinamica, secondo criteri disparati e facenti riferimento ad ambiti regionali. Gli odori, infatti, pur rappresentando un impatto ambientale importante per uno stabilimento produttivo ed essendo la fonte principale delle eventuali criticità nei rapporti con il territorio circostante, non erano fino ad oggi contemplati dal Testo Unico sull’Ambiente. Questa lacuna ha favorito il proliferare di una serie di provvedimenti normativi regionali, tramite i quali le singole regioni hanno definito delle linee guida a disposizione delle Autorità Competenti per il rilascio delle autorizzazioni e agli operatori per fornire un quadro tecnico di riferimento.

Testo Unico Ambientale (D.L.vo 15/11/2017 n. 183)

COSA CAMBIA? Le novità normative del D.L.vo. 183/2017 in materia di emissioni odorigene

 A partire dal 19 dicembre 2017 la competenza in materia di odori continua ad essere regionale, espressa a disposizione di legge, razionalizzando e ufficializzando una serie di poteri già previsti da leggi regionali.

 L’art. 272-bis del “Testo Unico Ambientale” stabilisce il potere delle autorizzazioni di stabilire, secondo quanto riportato nell’art. 271:

  1. valori limite per sostanze odorigene espressi in termini di concentrazione (mg/Nm3);
  2. prescrizioni impiantistiche e localizzative, con l’obbligo di attuare piani di contenimento e di soluzioni tecniche per l’abbattimento;
  3. portate massime specifiche e concentrazioni massime allo scarico che siano espresse in termini di unità odorimetriche (rispettivamente ouE/s e ouE/m3) per le emissioni odorigene;

 Le emissioni in atmosfera, governata dall’art. 269 del D.L.vo. 152/2006, “Autorizzazione alle emissioni in atmosfera per gli stabilimenti” prescrive la necessità di dotarsi di apposita autorizzazione per tutti gli impianti producenti emissioni. L’art. 279 fissa le sanzioni.

Con la nuova disposizione normativa, si colma un importante vuoto legislativo. La molestia olfattiva è stata fin’ora ricondotta alla fattispecie di getto pericoloso di cose, disciplinato nell’art. 674 del codice penale, che contempla le voci di offesa e molestia. Spettava così al Giudice il compito di valutare l’entità delle emissioni, secondo il criterio della tollerabilità, quindi difficilmente oggettivabile. Le misure contenute nel nuovo testo normativo dell’art. 272-bis consentono di valutare la legittimità delle emissioni odorigene su dati di carattere obiettivo.

Normative odorigene altri stati EU

Negli altri stati europei, permane la tendenza di definire dei limiti emissivi da applicare agli impianti di compostaggio. Questo perché:

sono impianti caratterizzati da emissioni generalmente non tossiche ma fastidiose dal punto di vista olfattivo e possono causare lamentele nella popolazione che vive nelle vicinanze;

usano una tecnologia relativamente semplice, che non varia molto da un impianto all’altro. Cosi, grazie ai dati accumulati nei monitoraggi condotti in passato in altri impianti, è possibile predire la configurazione impiantistica al fini di garantire che un nuovo impianto possa soddisfare un limite emissivo stabilito. In questo ambito possiamo individuare come riferimento la norma S 2205 -1 dell’Austria (ONORM S 2205 – 1, 1997), che fissa un limite pari a 300 ouE/m3 in uscita dai presidi.

Posa e Rimozione

Pensiamo a tutto noi

Posa del letto filtrante

La posa del letto filtrante è una fase caratterizzata da grande importanza: una posa effettuata correttamente è imprescindibile per un funzionamento ottimale del biofiltro.

  1. Letto filtrante a strato singolo.

Situazione frequentemente applicata con biofiltri di piccola cubatura, o che siano stati dimensionati con uno spessore filtrante di modesta entità. Il letto filtrante è costituito da un’unica essenza, caratterizzata da pezzatura fine (50-250 mm), ottimale per la depurazione dell’aria da trattare, grazie alla porosità ottimale e all’elevata superficie specifica. Presenta l’inconveniente che il materiale, degradandosi, può tendere a intasare parzialmente il grigliato attraverso in cui fluisce l’aria.

  1. Letto filtrante a strato doppio.

La presente casistica è da considerarsi la migliore soluzione realizzativa e prevede di utilizzare due strati di materiale filtrante, a pezzatura differente. Si posiziona uno strato di base, caratterizzato da pezzatura grossolana (100-500 mm), a fine strutturante e filtrante, al di sopra del quale si posiziona uno strato di materiale a pezzatura fine (50-250 mm), a scopo unicamente filtrante. Lo strato strutturante rappresenta in altezza approssimativamente due terzi dello spessore complessivo, contro un terzo dello strato superficiale. Operando in questa maniera si minimizza l’intasamento del grigliato, garantendo sempre l’ottimale porosità dello strato filtrante.

Inoculazione

Rendi SUPER il tuo biofiltro

Biofiltro efficiente anche in condizioni critiche

L’inoculazione rappresenta la soluzione ideale nel caso di biofiltri che abbiano perso efficienza di abbattimento a causa di

  • impianti sottodimensionati
  • manutenzione inadeguata
  • impianti soggetti a picchi di carico e oscillazioni di concentrazione degli inquinanti
    nella portata da trattare
  • condizioni di temperatura elevata o pH estremamente basso

Biofiltro funzionante fin da subito

L’impiego dei prodotti di inoculazione trova ampia applicazione in tutti i contesti in cui l’avviamento del biofiltro dev’essere immediato, per garantire all’impianto asservito di poter continuare a operare a regime.

Prodotti  sinergici Biowood

1. BIO/A001

è un additivo batterico, contenente una selezione di ceppi batterici e opportuni nutrienti, appositamente studiato per la prima e rapida attivazione di un nuovo letto filtrante o la riattivazione di un letto filtrante caratterizzato da una bassa efficienza (entro la vita utile del materiale). Il prodotto va distribuito con concentrazioni di 0,1 litri per ogni metro cubo di letto filtrante e dev’essere distribuito con rapporto di diluizione 1:2 con acqua pulita (non di risulta). La diluizione ha l’unico scopo di garantire l’omogeneità del trattamento sulla superficie filtrante, consentendo al prodotto di percolare su tutto lo spessore del letto.

2. BIO/M001

è un prodotto contenente composti organici naturali, appositamente studiato per la biodepurazione e per l’abbattimento degli odori, fungendo da stimolante per la cenosi di microrganismi naturalmente presente nel biofiltro, o inoculati con il prodotto

Manutenzione

Biofiltro efficiente al 100%

Biofiltro efficiente al 100%

Il nostro servizio di manutenzione garantisce una maggiore durata del biofiltro, un risparmio sui costi nel tempo e la garanzia di un biofiltro sempre efficiente al 100%.

Come funziona?

Al fine di garantire un funzionamento ottimale del biofiltro è necessario “coltivare” in maniera corretta i microrganismi presenti nel letto biofiltrante garantendo un ambiente ideale alla loro sopravvivenza.

Condizioni fondamentali per lo sviluppo dei microorganismi sono:

• un adeguato contenuto di sostanze nutritive: fonti di azoto, fosforo, zolfo e oligoelementi;
• un’adeguata ossigenazione del biofilm attraverso porosità del letto filtrante, poiche i microrganismi operano in condizioni aerobiche;
• temperatura ottimale in un range compreso tra 20 e 40 °C, essendo i microrganismi mesofili;
• pH ottimale compreso in un intervallo tra 7 e 8. Il metabolismo batterico ha come conseguenza la produzione di composti acidi, ragion per cui risulta importante operare tamponamenti il pH;
• umidità compresa in un intervallo fra 70 e 80% (alcuni studi raccomandano anche fino al 90%), mantenuta il piu possibile omogenea (con sistemi d’irrigazione).

Olfattometria

Metti in regola la tua azienda per il D.L.vo. 183/2017

La tua azienda è a norma rispetto al D. Lgs. 183/2017?

Il primo passo per mettere a norma la propria azienda rispetto al problema “odore” è valutare in maniera precisa e documentata la concentrazione di odore prodotta dal proprio impianto.

Olfattometria dinamica e indagini olfattometriche

L’olfattometria dinamica è un metodo che garantisce una misurazione effettiva dell’odore ed è disciplinata a livello tecnico dalla norma UNI EN 13725:2004. Tale tecnica consente di definire dei metodi di stima e di misura dell’impatto, avvalendosi di modelli di dispersione ambientale (disciplinati dalla UNI 10965:2001) e dai “nasi elettronici”.

Smaltimento

Metti in regola la tua azienda per il D.L.vo. 183/2017

Smaltimento

Risolviamo i tuoi problemi di smaltimento del biofiltro in maniera rapida ed efficace.

Alpenwald è in grado di effettuare su richiesta lo smaltimento del materiale esausto con conferimento in discarica, previo sopralluogo o consultazione di planimetria dell’impianto. Il prezzo viene fornito a tonnellata, fornendo al cliente regolare pesata.Al fine della formulazione di offerta di smaltimento sarà necessaria la presentazione da parte del cliente di analisi chimica del rifiuto per stabilirne la pericolosità e il codice CER. 

Per tutte le tue esigenze di abbattimento odori, rivolgiti ai nostri consulenti attivi 24/24h

Dove siamo

Vieni a trovarci nella nostra sede a Trento

38121 - Trento (TN) 
Via del Brennero, 316
Top Center
Torre direzionale
A Sud 1 Piano

    Contattaci - Risposta in max 24h

    WhatsApp Contattaci subito via Whatsapp